ALTRA GROSSA FALSITA’

dicembre 16, 2011

Dalla lettura della sezione news del sito www.cielidiroma.it apprendiamo l’ennesima grossolana inesattezza che di seguito rileviamo e commentiamo. La sentenza del Tribunale di Montebelluna è una sentenza che definisce una causa CIVILE e non PENALE.

Pertanto è scorretto e in malafede parlare di Rottamazioni = truffe.

La causa civile è stata promossa esclusivamente in quanto la società MultiImmo Promotion SA non intendeva riconoscere il diritto di recesso al multiproprietraio che prima aveva liberamente sottoscritto l’atto di cessione a titolo definitivo (per liberarsi della multiproprietà) e poi ci aveva ripensato ritenendo di poter recedere entro il termine di 10 giorni fissato dalla Legge a tutela dei consumatori.
Il rifiuto della società a non riconoscere il diritto di recesso si deve ricondurre nella libera interpretazione sul diritto di recesso stesso che potrebbe escludersi quando il consumatore non è soggetto acquirente ma bensì soggetto venditore/cedente (come nel caso dell’atto di cessione sopra descritto).
Comunque, precisiamo, che su nostro consiglio a causa ancora pendente MultiImmo Promotion SA, come da peraltro risulta anche dalla stessa sentenza, ha prontamente restituito gli assegni emessi dal multiproprietari che erano nel frattempo scaduti ma non incassati.

In ogni caso la decisione della società di non accettare il recesso rientra nell’autonomia della società stessa e non è stato né avallata né autorizzata dalla associazione italiana multiproprietari.

Quindi consigliamo ai responsabili delle news del sito di farsi regalare da Babbo Natale un buon libro di diritto civile e di diritto penale prima di scrivere cose che, comunque avranno per noi un seguito, visto che il limite della diffamazione e della calunnia a nostro carico sta per essere oltrepassato.

Il giudizio sull’operato dell’associazione italiana multiproprietari lo danno le decine e decine di persone che con noi hanno risolto il problema della multiproprietà come ogni persona libera da pregiudizi (o paure) può verificare nella sezione “I Vostri Commenti” del nostro sito http://assomulti.info.

Infine siccome il Sig. Francesco Rossini, il Suo socio Sig. Fabio D’Alessio e i loro parenti ed affini non si curano di rispondere alle UNICHE e SERIE DOMANDE che circondano questa vicenda, a questo punto, vista l’imminenza delle feste natalizie le chiediamo a BABBO NATALE affinché come dono per il 2012 porti le seguenti risposte ossia:

come mai nel novembre del 2007 la World Resorts Exchange Corporation ha venduto al Sig. Francesco Rossini, Fabio D’Alessio ed ai loro parenti ed affini gli appartamenti, all’interno del residence I Cieli di Roma, senza dare nessuna comunicazione ai multiproprietari spogliandoli così della loro proprietà e quindi dei loro soldi?

Come mai i Signori Rossini, D’Alessio e Parenti ed affini, ovvero la vera società di gestione del residence, non hanno comunicato questa vendita ai multiproprietari continuando a chiedere le spese di gestione per una proprietà che non era più dei multiproprietari?

 Come mai la società di gestione ha proposto, in cambio di soldi, un certificato che nella sostanza non aveva senso giuridico e commerciale?

 Forse è questo il vero motivo per il quale non è stato comunicato ai multiproprietari l’atto di vendita tra la World Resorts Exchange ed i “Soliti Noti”?

 A questo punto non vorremmo essere nei panni di Babbo Natale…

Zocor

Posted on dicembre 16, 2011 at 13:33

Lascia un commento

Clicca qui per acconsentire al trattamento dei dati inseriti

Compila questa semplice operazione come controllo anti-spam. Grazie.


4 + tre =


Con la compilazione e l'invio del presente modulo di contatto acconsento al tattamento dei dati che verranno utilizzati esclusivamente dall'Associazione Italiana Multiproprietari al solo scopo di comunicazione tra le parti e di eventuale contatto tra i titolari di questa mail ed altri multiproprietari. Tali dati non saranno archiviati ne' in formato elettronico ne' cartaceo. Verra' conservata esclusivamente, se e quando necessario, la mail ricevuta. Il proprietario dei dai inviati puo' richiedere in qualsiasi momento la cancellazione della mail inviata. Consenso esplicto ai sensi del D.Lgs. 196/2033

Nessun commento ancora, lasciane uno tu!